Google Analytics Alternative statistiche Facebook aggiornate | Facebook mobile -Facebook Ads

28 statistiche Facebook che non potete permettervi di trascurare

28 statistiche Facebook che non potete permettervi di trascurare

Da strumento per mettere in contatto gli studenti Facebook è cresciuto sino a diventare il più grande social network del mondo e uno dei migliori strumenti di marketing. Ma per comprenderlo meglio e utilizzarlo in maniera efficace è necessario familiarizzarsi con i numeri e i dati analitici della piattaforma.

In questo articolo abbiamo raccolto varie statistiche di Facebok che possono tornarvi utili nello sviluppo di una strategia.

Le statistiche sono suddivise per categoria e potete utilizzare i link seguenti per passare immediatamente alle statistiche di vostro interesse:

Statistiche Facebook complessive
Statistiche Facebook geografiche
Statistiche di utilizzo Facebook
Statistiche Facebook mobile
Statistiche Facebook video
Statistiche sulla pubblicità Facebook
Statistiche sulla pubblicazione dei post

Statistiche Facebook complessive

#1. Facebook ha più di 2 miliardi di utenti attivi su base mensile.

Alla data del 30 giugno 2017 Facebook aveva 2 miliardi di utenti su base mensile e 1 miliardo di utenti su base giornaliera (v. Fig. 1).

Fig.1 statistiche facebook 1

Fig. 1

Per dare un’idea della rilevanza di questi numeri, confrontiamoli con il dato degli utenti attivi su base mensile, fornito da TechCrunch:

  • Youtube: 1.5 miliardi
  • WeChat: 889 milioni
  • Instagram: 700 milioni
  • Twitter: 328 milioni
  • Snapchat: 255 milioni.

2 Miliardi di persone è un numero impressionante. Ecco alcuni dati per comprendere meglio chi potete raggiungere su questo social network.

#2. 83% delle donne e 75% degli uomini utilizzano Facebook.

Secondo i dati di Pew Research 83% delle donne e 75% degli uomini utilizzano questo social network (v. Fig.2).
In poche parole, chiunque sia il vostro target, è probabile che sia presente su Facebook.

Fig.2 statistiche facebook genere

Fig. 2

#3. La fascia di età 18 – 29 anni è quella più numerosa.

Dal punto di vista dell’età gli utenti possono essere raggruppati in quattro principali fasce di età:

  • 88% appartenenti alla fascia di età 18-29
  • 84% appartenenti alla fascia di età 30-49
  • 72% appartenenti alla fascia di età 50-64
  • 62% con oltre 65 anni.

Facebook rappresenta comunque la scelta migliore per raggiungere gli over 65 – nonostante sia la fascia di età meno presente su questo social media. I dati statistici dell’utilizzo degli altri social network da parte degli over 65 sono infatti:

  • Instagram: 8%
  • Twitter: 10%
  • LinkedIn: 20%
  • Pinterest: 16%

Inoltre, meno del 10% delle persone con oltre 50 anni di età utilizza applicazioni come Snapchat dove i contenuti pubblicati dagli utenti si auto- distruggono dopo 24 ore.

Contrariamente a quanto si possa pensare, se il target delle vostre attività di marketing comprende persone in età avanzata Facebook rimane la scelta migliore.

#4. L’85% degli utenti ha una formazione scolastica a livello college.

Il dato non sorprende, dal momento che il social network fu lanciato – con il nome “coursematch” – per connettere tra di loro gli studenti americani dei vari college.

Statistiche Facebook geografiche

L’utenza del social network di Mark Zuckerberg è molto varia dal punto di vista della provenienza geografica e ciò lo rende molto utile per le aziende che operano al di fuori del Nord America.

#5. L’85% degli utenti attivi giornalieri si trova al di fuori di USA e Canada.

Facebook ha una forte presenza internazionale: India, Brasile e Indonesia sono le nazionalità più numerose dopo gli Stati Uniti.

#6. Facebook è disponibile in oltre 70 lingue diverse.

Si tratta di un dato particolarmente importante per le organizzazioni con una presenza globale. Vista l’ampiezza del suo bacino geografico, Facebook è disponibile in oltre 70 lingue diverse. Ciò è reso possibile da una vasta community di sviluppatori – oltre 300.000 persone – che contribuisce alla traduzione nelle diverse lingue.

Ricordiamo che sulle pagine Facebook è possibile indicare il pubblico che potrà visualizzare uno specifico post, specificando linguaggio o la nazione. Ad esempio, se si restringe il pubblico di un post allo spagnolo, il contenuto sarà visibile solo a chi utilizza Facebook in lingua inglese o a chi ha impostato sul proprio profilo lo spagnolo come una delle lingue conosciute.

Statistiche di utilizzo Facebook

E’ importante conoscere come le persone utilizzano Facebook. Si tratta infatti di informazioni fondamentali per affinare il vostro piano editoriale, le vostre campagne pubblicitarie e, in generale, la vostra strategia su questo social network.
Di seguito riportiamo alcune statistiche relative alle interazioni degli utenti con la piattaforma.

#7. Il 40% degli utenti non ha mai fatto “like” ad alcuna pagina.

Questo dato ci dice che il 60% degli utenti è diventato fan di almeno una pagina su Facebook. Ricordiamo che oltre 60 milioni di organizzazioni hanno una pagina business su Facebook.

Altri dati:

Fig-3 statistiche facebook- tempo di risposta

Fig. 3

#8. Le persone trascorrono in media 35 minuti al giorno su Facebook (in USA).

Secondo un’indagine di Nielsen, gli americani trascorrono in media 10 ore e 39 minuti per consultare i vari media. In particolare 5 ore al giorno vengono trascorse su dispositivi mobili.
Nonostante questi numeri è interessante il dato che ci segnala che in USA il tempo medio giornaliero trascorso su Facebook è in diminuzione: nel 2016 era di 35 minuti contro un dato del 2014 di 40 minuti.

Cosa ci dicono questi dati? Il tempo a nostra disposizione per catturare l’attenzione del nostro pubblico si sta riducendo e quindi dobbiamo pianificare con attenzione la pubblicazione di contenuti sui nostri canali Facebook.

#9. Le persone accedono a Facebook in media 8 volte al giorno.

Secondo i dati di comScore, ogni giorno gli utenti consultano in media 8 volte Facebook, 6 volte Instagram, 5 volte Twitter e 3 volte Facebook Messenger.
Questo dato, insieme a quello relativo alla diminuzione del tempo trascorso su Facebook, ci dice che le persone controllano gli aggiornamenti sui social molto frequentemente. Diventa quindi fondamentale pubblicare nell’orario in cui il proprio target accede al social network, utilizzando i dati analitici di Facebook Insights o servizi a pagamento offerti da altre società.

#10. Ogni minuto si registrano su Facebook 400 nuovi utenti.

Ogni 60 secondi su Facebook abbiamo:

  • 317.000 aggiornamenti di stato
  • 400 nuovi utenti
  • 147.000 nuove foto
  • 54.000 link condivisi

Confrontiamo questi numeri con quanto avviene in un minuto su altri servizi online:

  • 448.000 Tweet
  • 66.000 post su Instagram
  • 29 milioni di messaggi spediti da WhatsApp

I numeri non mentono: Facebook è ancora il maggiore social network in circolazione…e possiede 2 dei 3 servizi appena citati.

#11. Su Facebook vi sono al massimo 3.5 gradi di separazione.

Secondo i risultati di una propria indagine, Facebook può vantare un grado di separazione tra gli utenti pari a 3.5 (v. Fig. 4), cioè decisamente inferiore ai 6 gradi di separazione originariamente ipotizzati nel suo racconto da Frigyes Karinthy.

Fig-4 statistiche facebook - gradi di separazione

Fig. 4

Questa maggiore vicinanza tra le persone può essere utile ai marketeer per superare l’ostacolo rappresentato dall’algoritmo di Facebook che negli ultimi tempi ha diminuito sensibilmente la reach organica.
Invece di cercare di raggiungere direttamente ogni persona, potete chiedere al vostro pubblico di farlo al posto vostro, sollecitando la condivisione o il like dei vostri contenuti.

Statistiche Facebook mobile

 Non è più un segreto che i social media (e internet in generale) vengono utilizzati in prevalenza su dispositivi mobili. Le statistiche seguenti sull’utilizzo di Facebook in mobilità indicano chiaramente che le aziende devono ormai ripensare le attività marketing e i relativi contenuti in una prospettiva che privilegi questa modalità di fruizione.

#12. Facebook Messenger ha oltre 1.2 miliardi di utenti attivi su base mensile.

I dati relativi a dicembre 2016 indicano:

  • 74 miliardi di utenti mobili attivi su base mensile
  • 55 miliardi di utenti attivi su base mensile che accedono esclusivamente da cellulare mobile
  • 15 miliardi di utenti mobili su base giornaliera

Queste statistiche ci dicono che i consumatori utilizzano Facebook Messenger e che è quindi necessario essere presenti su questa piattaforma.
Una maniera creativa di utilizzo adottata da qualche brand è quella di avvalersi della sua funzionalità di creazione di chatbots per facilitare le attività del servizio clienti.

#13. Il 19% del tempo trascorso sul mobile è su Facebook.

Come abbiamo detto in precedenza, in media il consumatore trascorre 5 ore del suo tempo su dispositivi mobili. Ma quello che è più interessante è la suddivisione di questo tempo, come mostrato nella figura seguente.

Fig-5 statistiche facebook - tempo su mobile

Fig. 5

Come si vede, Facebook è decisamente il servizio più utilizzato con il 19%.

E voi cosa state facendo per avvantaggiarvi di questa tendenza? A meno di casi particolari, la maggior parte del traffico sui vostri social media arriverà dai dispositivi mobili e dovrete quindi pensare la vostra strategia in quest’ottica.

 

Statistiche Facebook video

I contenuti video hanno visto una crescita esplosiva negli ultimi 5 anni. Ma non stiamo parlando solo di YouTube: anche Facebook è diventato un gigante in questo campo.
Ecco quindi alcuni dati statistici da tenere presenti per le vostre attività di video marketing su Facebook.

#14. Il 44% delle PMI hanno intenzione di investire nella promozione di contenuti video su Facebook.

Questo dato, relativo al mercato americano, indica chiaramente che molte piccole e medie aziende stanno decidendo di investire nella pubblicazione di video su Facebook.
Se avete deciso di non farlo, è però molto probabile che i vostri concorrenti lo stiano facendo e quindi siete potenzialmente in una posizione di svantaggio nei loro confronti.

#15. Ogni giorno su Facebook ci sono mediamente 8 miliardi di visualizzazioni video

Una ulteriore conferma che non potete ignorare l’utilizzo dei video su questo social network deriva da questi dati: 8 miliardi di visualizzazioni video e 100 milioni di ore video ogni giorno. Facebook è ormai diventato un Top Player nel settore dei social media video.
Un esempio di successo è rappresentato da Greatist, con i suoi video molto originali che permettono a questo brand di differenziarsi da chi si limita a condividere su Facebook dei contenuti puramente testuali.

#16. L’ 85% degli utenti di Facebook guarda i video disattivando l’audio.

Le statistiche sull’utilizzo dei video su Facebook indicano alcuni fenomeni interessanti:

Non è quindi necessario avere un audio nei vostri video. Può invece fare la differenza per ottenere più visualizzazioni aggiungere dei sottotitoli.

#17. E’ 5 volte più probabile che un video su Facebook sia visualizzato da mobile piuttosto che su un desktop.

Alla luce delle statistiche che abbiamo visto sinora, questo dato non rappresenta più una sorpresa. Dovete quindi assicurarvi che i vostri video siano ottimizzati per la visualizzazione si dispositivi mobili.

#18. Il 20% dei video su Facebook sono in diretta.

Grazie a Instagram Live, Periscope e altri servizi, il fenomeno dei video in diretta si è rapidamente affermato: il 20% dei video sono live streaming.
Essere in diretta è la cosa che interessa maggiormente gli utilizzatori. Anche se rimangono disponibili per la visualizzazione sulle relative pagine anche dopo la conclusione della diretta, i video sono visualizzati tre volte più a lungo durante un live streaming in diretta rispetto ad una visualizzazione successiva in modalità replay.

Statistiche sulla pubblicità Facebook

 Uno dei principali fattori della crescita di Facebook negli anni è la sua piattaforma pubblicitaria. Le aziende spendono somme ingenti per promuoversi e raggiungere il loro mercato target attraverso le inserzioni su Facebook.
Grazie a un costo contenuto e a un vasto database contenete le informazioni degli utenti, Facebook Ads rappresenta uno strumento interessante per le aziende di qualsiasi dimensione.

Di seguito riportiamo alcune statistiche che possono risultare utili nel pianificare un’attività pubblicitaria su Facebook.

#19. Il 93% dei marketeers utilizza regolarmente la pubblicità di Facebook.

Se utilizzato nella maniera giusta, il servizio offerto da Facebook Ads può dare il migliore ROI tra tutte le possibili forme di pubblicità disponibili sul mercato. Tuttavia è un settore molto affollato e competitivo:

#20. Le immagini influiscono tra il 75% e il 90% sulla performance degli annunci Facebook.

In termini di performance degli annunci pubblicitari, ecco qualche dato da ricordare:

Fig-6 statistiche facebook - lunghezza titolo

Fig. 6

#21. I primi 3 secondi di un video pubblicitario su Facebook sono quelli che generano maggiore valore.

Pur essendo molto efficaci, i video contenuti negli annunci pubblicitari di Facebook hanno un tempo limitato per attrarre l’attenzione degli utenti.
Secondo una ricerca interna di Facebook, il 47% del valore di un annuncio in termini di “video recall” si ottiene nei primi tre secondi di un video (v. Fig. 7).

Fig-7 statistiche facebook - video recall

Fig. 7

Il suggerimento è quindi quello di progettare un video per un annuncio pubblicitario su Facebook in modo da riuscire ad attirare immediatamente l’attenzione di chi lo guarda. Ciò renderà più probabile che l’utente visualizzi il video sino alla fine.

#22. Il 93% degli inserzionisti sui social media utilizza Facebook Ads.

Facebook è di gran lunga il canale pubblicitario utilizzato sui social media: secondo il report 2017 di Social Media Examiner, il 93% degli inserzionisti sui social media utilizza Facebook Ads. Al secondo posto troviamo Instagram, anch’esso parte dell’offerta pubblicitaria di Facebook.

Se mai ce ne fosse bisogno, questi dati ci danno una ulteriore conferma di quanto la pubblicità su Facebook sia popolare sia per le aziende B2B che B2C. 

#23. Il 20% delle entrate pubblicitarie di Facebook arriva da Instagram.

 Come abbiamo visto dalle statistiche precedenti, Instagram contribuisce sensibilmente ai risultati complessivi di Facebook in ambito pubblicitario. Più precisamente, il suo contributo è pari al 20% delle entrate in ambito mobile, con una crescita del 15% rispetto all’anno precedente.

Visto il trend di crescita Instagram dobbiamo aspettarci che anche questo numero sia destinato a salire nel tempo.
Consigliamo quindi di iniziare a testare anche gli annunci pubblicitari su Instagram, se già utilizzate Facebook Ads in ambito mobile.

#24. Il valore medio del CPC di un annuncio su Facebook è 1.72$.

Siete curiosi di sapere se pagate troppo le vostre inserzioni Facebook? Allora possono interessarvi i risultati emersi da una indagine di Wordstream. Ricerche simili sono già state fatte da altre società, ma i dati di questa indagine sono particolarmente interessanti perché i risultati sono anche suddivisi per settore merceologico.
Come si può vedere dalla figura successiva (Fig. 8), il valore del CPC varia sensibilmente a seconda dei vari settori.

Fig. 8 statistiche facebook costo CPC

Fig. 8

Se il CPC delle vostre attuali campagne è molto più alto della media del settore, allora avete bisogno di affinare i vostri annunci pubblicitari. Se invece il vostro CPC non si discosta sensibilmente dal valore medio, allora vuol dire che siete sulla strada giusta!

#25. Il valore medio del CTR di un annuncio su Facebook è 0.9%.

Tra i parametri presi in considerazione nell’indagine di Wordstream vi è anche il valore del CTR, che in media risulta essere lo 0.9% (v. Fig. 9).

Fig. 9 statistiche facebook CTR

Fig. 9

Come nel caso del CPC, confrontate il valore del CTR delle vostre campagne di Facebook Ads con quello del vostro settore, piuttosto che con la media generale.

Statistiche sulla pubblicazione dei post Facebook 

Il punto di partenza per migliorare la reach organica su Facebook è senz’altro l’analisi della vostra strategia di pubblicazione dei post.
A questo scopo possono esservi utili i seguenti dati statistici.

#26. La reach organica media delle pagine dei brand è del 2%.

Come abbiamo già scritto in questo articolo, la reach organica su Facebook non è più quella di una volta. Ma quanto è peggiorata la situazione nel tempo?

Una indagine ha trovato che la reach organica media delle pagine dei brand può arrivare al 2%. Si tratta di un valore medio: quindi in qualche caso può anche essere decisamente inferiore.

#27. I brand pubblicano su Facebook in media 8 volte al giorno.

Quante volte al giorno dovete pubblicare sulla vostra pagina Facebook? Secondo una indagine della società SME, i brand pubblicano in media 8 volte al giorno.
Se non siete soddisfatti dei risultati di reach o di coinvolgimento degli utenti della vostra pagina, provate a incrementare la frequenza di aggiornamento. Questa è anche l’intenzione del 39% dei responsabili marketing intervistati nella succitata indagine.
Non dimenticate però di monitorare costantemente i risultati i dati di Facebook Insights per essere sicuri che questo cambiamento vada nella giusta direzione e che non ottenga il risultato opposto!

#28. Il pomeriggio dei giorni feriali è il momento migliore per pubblicare su Facebook.

Qual è il momento migliore per pubblicare su Facebook? Questo è uno dei temi più caldi tra quelli che interessano i web marketeer. Esistono molti studi che cercano di rispondere a questa domanda ma purtroppo le risposte molto diverse e in contraddizione tra di loro. [Se invece vi interessa sapere qual è l’orario migliore per inviare una newsletter potete leggere questo nostro post].

Uno studio di Sproutsocial ha cercato di riepilogare i risultati delle varie fonti nella figura seguente (Fig. 10).

Fig. 10 statistiche facebook tempo migliore pubblicazione

Fig. 10

 

Come si vede i migliori risultati si ottengono durante i giorni lavorativi della settimana. Inoltre si fa preferire la fascia pomeridiana tra le 13:00 e le 15:00.

Ovviamente questi dati devono essere solo un punto di partenza per la vostra pianificazione, dal momento che l’indicazione migliore sarà quella che viene dall’analisi dei vostri dati di analytics.

[Liberamente tradotto ed adattato dall’articolo di Maddy Osman 
28+ Powerful Facebook Stats Your Brand Can’t Ignore in 2017]

E ora a voi lettori: cosa ne pensate di questa statistiche? Ne conoscete altre che possono essere utili? Condividetele con noi.

 

Appassionato utilizzatore di internet sin dai suoi esordi e uno dei pionieri in Italia nell’utilizzo in ambito business dei social networks, sia dal punto di vista tecnologico che da quello marketing. Collabora con aziende italiane ed estere in diversi ambiti professionali, quali temporary management, indagini di mercato, formazione, web e social media marketing. Autore del libro Universo Twitter, disponibile nelle principali librerie online.

0 Comments

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*