Cos’è l’Intelligenza Artificiale (IA) Generativa?

IA generativa featured image

L’Intelligenza Artificiale generativa è emersa come uno degli aspetti più entusiasmanti e rivoluzionari dell’IA, offrendo una vasta gamma di applicazioni dalla scrittura creativa alla progettazione di prodotti. Ma cosa esattamente è l’IA generativa? In questo articolo esploreremo il mondo dell’IA generativa: da come funziona alle sue varie applicazioni, benefici e sfide. Tuffiamoci nel mondo affascinante dell’IA generativa e scopriamo come può aiutarci a plasmare il nostro futuro!

Cos’è l’IA Generativa? Tutto ciò che dovete sapere

L’Intelligenza Artificiale generativa (o AI generative) è una forma di intelligenza artificiale che ha il potenziale per rivoluzionare una molteplicità di settori. Più in dettaglio, l’IA generativa utilizza algoritmi di apprendimento automatico per creare contenuti basati sui dati, come testo, audio e immagini.
Questa tecnologia può essere utilizzata in molti modi per semplificare dei compiti o per creare prodotti completamente nuovi. Ad esempio, l’IA generativa può generare immagini o video realistici di persone per il doppiaggio di film o per la realizzazione di contenuti educativi. Può anche aiutare nella progettazione di prodotti creando dei design unici basati sulle scelte dell’utente.
Si tratta quindi di una tecnologia che sta già facendo grandi progressi in diversi settori ed è destinata a diventare una parte ancora più integrante delle nostre vite in futuro.

Come funziona l’IA Generativa?

Come abbiamo detto, l’IA generativa è una forma di intelligenza artificiale che può creare contenuti basati sui dati.
Questa tecnologia è basata sull’addestramento di un modello di IA con dati esistenti, come testo, audio e immagini. Ciò consente all’IA di identificare modelli e sviluppare la propria comprensione dei dati che le vengono presentati. Grazie a questa conoscenza, può generare contenuti nuovi e originali basati sui modelli e le strutture che ha identificato.

I modelli di IA generativa sono inoltre in grado di sfruttare diversi approcci di apprendimento, tra cui l’apprendimento non supervisionato o quello semi-supervisionato. Ciò ha consentito alle organizzazioni di sfruttare rapidamente una grande quantità di dati non etichettati per creare modelli fondamentali come GPT-3 Stable Diffusion.
Questi modelli possono poi essere utilizzati per alimentare applicazioni come ChatGPT, che consentono agli utenti varie modalità di utilizzo, come generare un riassunto a partire da una breve richiesta di testo o creare una serie di social media post in base ad un specifico argomento.
Il potenziale dell’IA generativa per creare prodotti nuovi e migliorati la rende quindi uno degli sviluppi più entusiasmanti dell’intelligenza artificiale al giorno d’oggi.

Quali sono le Applicazioni dell’AI Generativa?

I contenuti generati dall’intelligenza artificiale non si limitano ad imitare le capacità di scrittura degli esseri umani, ma si estendono anche ad altre forme di media, come immagini, audio, video, musica e linguaggi di programmazione.

L’IA generativa può essere utilizzata in diversi campi per produrre contenuti che sembrino creati dall’uomo. Ad esempio, può essere utilizzata:

  • in ambito accademico per scrivere contenuti molto estesi,
  • in ambito giuridico per redigere memorie legali,
  • in ambito scientifico per accelerare la scoperta di farmaci,
  • in ambito artistico per generare nuove opere,
  • in ambito manifatturiero per accelerare lo sviluppo di prodotti,
  • in ambito di marketing digitale per il copywriting, i post sui social media e le descrizioni dei prodotti,
  • in ambito di sviluppo software per generare e sintetizzare il codice
  • in ambito di cybersicurezza per rilevare le minacce e sviluppare più rapidamente le minacce informatiche.

Una possibile classificazione degli strumenti di IA Generativa è quella proposta dalla società di consulenza Sequoia:

IA generativa landscape-sequoia

Qualche esempio di IA Generativa

Creazione di testi

Applicazioni come ChatGPT, Writesonic e Neuroflash offrono strumenti avanzati per la creazione e la revisione di testi. Grazie alle loro interfacce intuitive e alle modalità di interazione simili a un chatbot, queste applicazioni semplificano il processo di scrittura e revisione dei contenuti. Oltre a fornire assistenza nella generazione di testi, queste piattaforme consentono anche di migliorare la coerenza, la chiarezza e l’efficacia comunicativa dei messaggi. Con l’uso di queste innovative soluzioni, la creazione di contenuti di alta qualità diventa più accessibile e efficiente.

Creazione di immagini

Le capacità creative dell’intelligenza artificiale si manifestano nella loro forma più eclatante e sorprendente nella generazione di immagini a partire da semplici comandi testo, come può essere sperimentato utilizzando strumenti come DALL-E.

Portrait of a basset hound, 8k, photograph by DALL-E

Immagine creata da DALL-E con il testo “Portrait of a basset hound, 8k, photograph”

Creazione di video

Gli strumenti di intelligenza artificiale generativa consentono anche di creare e modificare video in modo semplice utilizzando testi o immagini come riferimento. Come si può apprezzare nel video seguente, strumenti come Kaiber o Runway sfruttano algoritmi avanzati per interpretare e trasformare le informazioni fornite dagli utenti, permettendo di generare video personalizzati e coinvolgenti.

IA Generativa: conclusioni

La tecnologia dell’intelligenza artificiale generativa offre nuove e affascinanti opportunità creative, permettendo di trasformare rapidamente idee in immagini realistiche o video spettacolari. Grazie a algoritmi sofisticati, è possibile ottenere risultati di alta qualità, con la possibilità di personalizzare e regolare ogni aspetto visivo in base alle preferenze dell’utente.

Ma non è tutto: la IA generativa può anche automatizzare compiti tediosi con grande efficienza. Grazie alla sua capacità di generare rapidamente nuovi contenuti, può semplificare processi che altrimenti richiederebbero molto tempo e sforzo. Ciò permette di risparmiare tempo prezioso e concentrarsi su attività più creative e strategiche.

L’integrazione di questa tecnologia apre quindi le porte a una maggiore produttività e innovazione. Sia che si tratti di creare immagini realistiche, video coinvolgenti o di automatizzare compiti ripetitivi, l’IA generativa si rivela un alleato potente per trasformare le idee in realtà in modo veloce ed efficiente.

Confrontiamo ChatGPT e Intelligent Virtual Assistant: qual è la scelta migliore per il vostro business?

confronto Chatbot IVA: featured image

Nel frenetico mondo digitale di oggi, gli Intelligent Virtual Assistant (IVA) sono diventati sempre più popolari nel mondo delle imprese. Queste tecnologie basate sull’intelligenza artificiale sono progettate per fornire un servizio di assistenza e supporto ai clienti senza soluzione di continuità e per migliorare l’esperienza complessiva del cliente.

In questo contesto si sono ricavati uno spazio importante i chatbot, programmi software in grado di simulare ed elaborare le conversazioni umane, consentendo così agli utenti di interagire con i dispositivi digitali come se stessero comunicando con una persona reale.

Alla luce della crescente attenzione verso l’Intelligenza Artificiale e il successo sul mercato mondiale del lancio da parte di OpenAI di ChatGPT, ha fatto sì che le aziende inizino a prendere in considerazione anche quest’ultima soluzione per l’assistenza clienti.

confronto chatgpt IVA

Osserviamo che anche nel nostro Paese l’interesse verso questa tecnologia hanno raggiunto livelli record: i dati pubblicati da Comscore rivelano come nel solo mese di gennaio il sito OpenAI.com abbia registrato oltre 1 milione di interazioni sui social media, il doppio rispetto all’intero periodo compreso tra ottobre e dicembre 2022, ancora meglio ha fatto ChatGPT con 9,2 milioni di interazioni (erano “appena” 2,1 milioni a dicembre), con un incremento del 330% rispetto all’ultimo trimestre dell’anno passato.

Con tante soluzioni presenti sul mercato, può quindi essere difficile capire quale sia quella giusta per il servizio clienti della vostra azienda.

In questo articolo esamineremo da vicino le caratteristiche, i vantaggi e gli svantaggi di ciascuna di esse, in modo che possiate decidere con cognizione di causa quale sia la migliore per le vostre esigenze aziendali. Se state cercando di migliorare la soddisfazione dei clienti, di aumentare l’efficienza o semplicemente di stare davanti alla concorrenza, questo confronto vi aiuterà a scegliere la soluzione AI giusta per la vostra azienda.

Assistenza clienti basata sulle tecnologie di AI

Come abbiamo detto, le soluzioni di assistenza clienti basate sull’intelligenza artificiale sono diventate sempre più popolari negli ultimi anni, sulla spinta della ricerca del miglioramento dell’esperienza del cliente che della riduzione dei costi del personale.
Questo tipo di soluzione viene spesso chiamata di tipo AI conversazionale ed utilizza l’elaborazione del linguaggio naturale, l’apprendimento automatico e altre tecnologie per comprendere e rispondere alle domande dei clienti e fornire assistenza personalizzata.

Due di queste soluzioni che hanno guadagnato popolarità negli ultimi anni sono le chatGPT e gli assistenti virtuali intelligenti (IVA). Entrambi sono progettati per migliorare l’esperienza dei clienti, ma si differenziano per l’approccio e le capacità. ChatGPT è un chatbot dotato di intelligenza artificiale che utilizza l’elaborazione del linguaggio naturale per comprendere e rispondere alle domande dei clienti. D’altro canto, gli IVA sono più complessi e possono svolgere funzioni quali la programmazione di appuntamenti, l’inoltro di ordini e persino l’esecuzione di transazioni finanziarie.

Ma qual è la differenza tra un IVA e ChatGPT?

Un Intelligent Virtual Assistant (IVA) è un software che utilizza l’intelligenza artificiale per interagire con le persone in modo naturale e conversazionale. Gli IVA sono progettati per aiutare le persone a svolgere una vasta gamma di attività, come prenotare un appuntamento, trovare informazioni, risolvere problemi, effettuare acquisti e, in generale, integrarsi con sistemi aziendali (CRM, billing, etc).

Gli IVA sono quindi in grado di comprendere il linguaggio naturale e di rispondere alle domande degli utenti in modo intelligente, utilizzando algoritmi di elaborazione del linguaggio naturale (NLP) e di apprendimento automatico.

ChatGPT, d’altra parte, è un modello di linguaggio naturale basato sull’architettura GPT (Generative Pre-trained Transformer) che è stato addestrato su un vasto corpus di testo e può generare risposte autonome a partire da un prompt fornito dall’utente. Tuttavia, ChatGPT non è in grado di fornire raccomandazioni o assistenza personalizzata ai clienti, dal momento che non è in grado di imparare dalle precedenti conversazioni ma può solo ottimizzare (“fine-tuning”) il contenuto delle risposte. La lettera P dell’acronimo GPT sta infatti per Pre-trained, cioè un processo di training in presenza di una supervisione, cosa che al momento non accade nelle conversazioni di ChatGPT.

In altre parole, ChatGPT è un sistema di generazione di testo basato sull’intelligenza artificiale che può essere utilizzato per fornire risposte a domande specifiche, mentre un IVA è un sistema più ampio che utilizza una combinazione di tecnologie, tra cui NLP e apprendimento automatico, per supportare l’interazione naturale e conversazionale con gli utenti in una vasta gamma di contesti e attività.

ChatGPT vs. IBM Watson

Per poter meglio approfondire e comprendere questi concetti, possiamo confrontare ChatGPT con una delle soluzioni di IVA più popolari: IBM Watson.

IBM Watson è una suite di servizi e strumenti basati sulla tecnologia di AI sviluppata da IBM. Le capacità di Watson vanno oltre l’elaborazione del linguaggio naturale (NLP), offrendo servizi come il riconoscimento visivo, il text-to-speech, lo speech-to-text e altro ancora. Watson fornisce varie API e soluzioni predefinite per risolvere esigenze specifiche di vari settori di mercato.

Abbiamo già descritto in precedenza ChatGPT e quindi possiamo passare immediatamente ad analizzare i pro e contro di questi due assistenti virtuali.

Pro di ChatGPT

  • Comprensione avanzata del linguaggio: ChatGPT si basa sull’architettura GPT, che ha dimostrato eccezionali capacità di comprensione del linguaggio. Può generare risposte coerenti e contestualmente rilevanti, anche di fronte a domande complesse o ambigue.
  • Ampia gamma di ambiti di utilizzo: grazie alle sue capacità di generazione del linguaggio, ChatGPT può essere applicato a vari compiti, come la generazione di contenuti, la traduzione, la sintesi e le domande e risposte, rendendolo uno strumento versatile per aziende e sviluppatori.
  • Miglioramenti continui: OpenAI si impegna a migliorare l’architettura GPT, con ogni nuova iterazione che vanta migliori prestazioni e comprensione del linguaggio. Ciò garantisce che ChatGPT rimanga all’avanguardia nelle tecnologie NLP.
  • Facilità di integrazione: ChatGPT offre un’API semplificata, che facilita agli sviluppatori l’integrazione dell’assistente virtuale nelle loro applicazioni e servizi. Inoltre, a marzo 2023, OpenAI ha annunciato l’introduzione graduale dei plugins per ChatGPT. Grazie a questi componenti software addizionali, ChatGPT potrà estendere enormemente le proprie funzionalità e permettere l’accesso in tempo reale ai dati del web. Questo aspetto è particolarmente importante perchè, in assenza di plugins, le “conoscenze” del modello generativo alla base del funzionamento di ChatGPT si fermano al 2021.
  • Costo: l’utilizzo di ChatGPT ha un costo contenuto in quanto sono possibili diversi piani di utilizzo: gratuito, a pagamento con un canone mensile “flat” e, per gli sviluppatori, in base al numero di “token” utilizzati.
esempio di utilizzo di ChatGPT per il servizio clienti
esempio di utilizzo di ChatGPT per il servizio clienti

Contro di ChatGPT

  • Limitato all’elaborazione del linguaggio: l’obiettivo principale di ChatGPT è l’elaborazione del linguaggio, il che significa che non ha la vasta gamma di capacità di intelligenza artificiale presenti in piattaforme come IBM Watson.
  • Possibili pregiudizi: essendo un modello di apprendimento automatico, ChatGPT è addestrato su enormi quantità di dati testuali provenienti da Internet. Di conseguenza, potrebbe imparare e riprodurre involontariamente i pregiudizi presenti in tali dati, fornendo dei risultati controversi e discutibili.
  • Incoerenza nelle risposte: sebbene ChatGPT sia in grado di generare risposte contestualmente rilevanti, a volte può produrre risposte incoerenti o contraddittorie (in gergo tecnico, “allucinazioni”), in particolare quando si tratta di domande ambigue o complesse.
    Tuttavia la versione più recente, basata sul modello GPT-4, introduce sensibili miglioramenti.
  • Non è possibile una installazione in locale: ChatGPT è un servizio completamente basato su cloud e pertanto non è possibile una modalità che preveda una installazione on-premise di questa applicazione. Si tratta di una limitazione importante perchè l’installazione sui propri sistemi di applicazioni che gestiscono informazioni sensibili è la prassi standard per molti settori pubblici, bancari e sanitari in tutto il mondo.

Pro di IBM Watson

  • Piattaforma AI completa: la suite di strumenti e servizi AI di IBM Watson copre una vasta gamma di capacità, tra cui l’elaborazione del linguaggio naturale, il riconoscimento visivo e l’elaborazione del discorso. Ciò lo rende una soluzione versatile e completa per vari settori e applicazioni.
  • Soluzioni specifiche per settore: IBM Watson offre soluzioni predefinite adattate a settori specifici, come l’assistenza sanitaria, la finanza e la vendita al dettaglio. Queste soluzioni sono progettate per affrontare le sfide comuni in questi settori, consentendo alle aziende di adottare facilmente le tecnologie AI.
  • Robusto ecosistema di sviluppatori: IBM Watson fornisce una vasta gamma di API, SDK e documentazione, rendendo facile per gli sviluppatori integrare i servizi di Watson nelle loro applicazioni.
  • Scalabilità: IBM Watson è progettato per gestire implementazioni su larga scala, rendendolo adatto per le imprese con carichi di lavoro impegnativi.

Contro di IBM Watson

  • Costo più elevato: data la sua suite completa di servizi e strumenti AI, il prezzo di IBM Watson può essere più alto rispetto a quello di piattaforme più specializzate come ChatGPT.
  • Complessità: con la sua vasta gamma di funzionalità e strumenti, IBM Watson può essere più difficile da navigare e implementare rispetto a soluzioni più focalizzate.
  • Generazione del linguaggio meno avanzata: sebbene IBM Watson sia competente nella comprensione del linguaggio naturale, le sue capacità di generazione del linguaggio potrebbero non essere avanzate come quelle di ChatGPT, in particolare quando si tratta di generare risposte testuali simili a quelle umane.

Confronto ChatGPT e Intelligent Virtual Assistant: Conclusioni

Sia ChatGPT che soluzioni come IBM Watson sono potenti assistenti virtuali, ognuno con i propri punti di forza e debolezze. ChatGPT eccelle nella comprensione e generazione del linguaggio naturale, rendendolo ideale per applicazioni che richiedono interazioni testuali simili a quelle umane.
D’altra parte, la possibilità di un IVA di integrarsi con altre applicazioni e di avere a disposizione una suite completa di strumenti e servizi AI, come nel caso di IBM Watson, lo rende una soluzione versatile per una vasta gamma di settori e applicazioni.

In definitiva, la scelta tra ChatGPT e IVA Watson dipenderà dalle vostre esigenze, priorità e risorse specifiche.

Se siete alla ricerca di un assistente virtuale che si concentri principalmente sull’elaborazione e la generazione avanzata del linguaggio, ChatGPT potrebbe essere la scelta migliore.
Tuttavia, se state cercando una piattaforma AI più completa con una gamma più ampia di capacità, un IVA potrebbe essere la soluzione giusta per le vostre esigenze.

Per prendere la decisione più informata, prendete effettuate un’attenta valutazione di ciascuna piattaforma, tenendo conto di fattori come integrazione, scalabilità e costo. È anche fondamentale considerare come l’assistente virtuale si allinea agli obiettivi, al settore e ai piani futuri della vostra organizzazione. Confrontando i pro e i contro di ChatGPT e di un IVA, potete determinare quale assistente virtuale intelligente sia più adatto ad aiutarvi a raggiungere i vostri obiettivi e promuovere l’innovazione nella vostra organizzazione.

Perché l’AI per il marketing digitale non è un’altra bolla

AI marketing digitale blog post image

L’intelligenza artificiale (AI) non è un concetto nuovo, ma è diventata sempre più popolare negli ultimi mesi. Non passa un giorno senza che ci siano nuovi annunci o che i media non pubblichino qualche notizia entusiasmante sull’Intelligenza Artificiale.

Tuttavia la storia dell’ hi-tech è ricca di esempi di tecnologie che sono stati dipinte come eccezionali e che hanno poi deluso le aspettative e sono rapidamente finite nel dimenticatoio.

E’ quindi forte la tentazione di considerare anche l’AI applicata al marketing digitale come un’altra esagerazione, alla stregua di criptovalute, NFT o Metaverso.

In realtà, non si tratta di una moda passeggera ma di una concreta opportunità che è destinata a durare nel tempo. In questo articolo approfondiremo l’importanza dell’AI per i marketers e su come possa essere utilizzata in modo efficace.

L’AI non è solo hype

Criptovalute, NFT e Metaverso sono esempi recenti di tecnologie che hanno ricevuto molta attenzione, ma il loro effettivo impatto è ancora incerto. Al contrario, l’intelligenza artificiale (AI) esiste da decenni, ma negli ultimi anni è esplosa sulla scena, trasformando molti settori e rivoluzionando il nostro modo di vivere e lavorare. Dagli assistenti virtuali come Siri e Alexa alle auto a guida autonoma e alle raccomandazioni personalizzate su Netflix e Amazon, l’AI è ovunque. E non è più limitata alle sole aziende tecnologiche. Sanità, finanza, istruzione e industria manifatturiera sono solo alcuni dei settori che utilizzano l’IA per migliorare l’efficienza e la produttività.

L’AI non è solo una parola alla moda, ma una tecnologia che ha già dimostrato di essere efficace nel migliorare le attività di marketing. L’AI può infatti aiutare i marketer a capire meglio i loro clienti, personalizzare il loro messaggio e ottimizzare le loro campagne. Inoltre, l’AI può automatizzare molti dei compiti noiosi e ripetitivi con cui i marketer devono confrontarsi, liberando tempo per attività a maggiore valore aggiunto, come l’analisi delle performance e la pianificazione strategica.

Anche se l’AI non è un concetto nuovo, stiamo vedendo solo l’inizio del suo impatto sul marketing digitale. Secondo un rapporto dell’Osservatorio Artificial Intelligence del Politecnico di Milano, il mercato dell’Intelligenza Artificiale nel settore del marketing digitale in Italia è cresciuto del 30% nel 2021 raggiungendo quota 80 milioni di euro. Inoltre, il rapporto prevede che il mercato dell’IA nel settore del marketing digitale crescerà a un tasso di CAGR del 25% nei successivi cinque anni.

Guardando ai dati globali, secondo Statista, l’80% degli specialisti marketing prevedono di integrare qualche forma di AI nelle loro attività di digital marketing.

La crescita dell’AI nel marketing è guidata da diversi fattori

Uno dei principali fattori è l’aumento della quantità di dati con cui i marketer devono confrontarsi. Con la proliferazione dei canali digitali, i marketer hanno accesso ad una quantità di dati smisurata ma che necessita di un maggiore sforzo per essere analizzata.  In questo l’AI è di grande aiuto in quanto può analizzare grandi quantità di dati in modo rapido e preciso, fornendo informazioni che sarebbero difficili o impossibili da ottenere manualmente.

Un altro fattore che guida la crescita dell’AI nel marketing è la crescente domanda di esperienze personalizzate. I clienti si aspettano infatti che i marchi capiscano le loro esigenze e le loro preferenze e forniscano esperienze personalizzate su tutti i punti di contatto. L’AI può aiutare i marketer a raggiungere questo obiettivo analizzando i dati dei clienti e fornendo suggerimenti tramite contenuti e messaggi personalizzati.

Un ulteriore fattore, probabilmente il più importante, è quello relativo all’evoluzione tecnologica.

L’evoluzione della tecnologia

Dal 2015 ad oggi, abbiamo visto un rapido evolversi dell’AI generativa (o generative AI), un sottocampo dell’Intelligenza Artificiale che si concentra sulla creazione di modelli e algoritmi in grado di generare dati e contenuti originali, come immagini, testi, suoni e video.

Questo tipo di AI utilizza tecniche di apprendimento automatico, come le reti neurali, per analizzare grandi quantità di dati e imparare a generare nuovi dati che corrispondono ai modelli appresi.

La sua crescente diffusione è stata resa possibile grazie agli avanzamenti tecnologici degli ultimi anni. In particolare, la possibilità di utilizzare maggiori potenze elaborative ha permesso di ottenere risultati sempre più precisi e accurati dai sistemi che utilizzano Large Language Models (LLM).

Secondo NVIDIA, uno dei maggiori fornitori di soluzioni hardware e software per l’Intelligenza Artificiale, “le dimensioni dei Large Language Models sono aumentate del 10 volte ogni anno negli ultimi anni. In due anni, questo equivarrà ad un aumento di 100 volte. Tra tre anni, l’aumento sarà di 1000 volte e così via.

La generative AI può essere utilizzata in diversi settori, come l’arte, la musica, la pubblicità e il design, per creare contenuti originali e innovativi. 

In particolare, la disponibilità di strumenti open-source e API ha portato ad un’esplosione del mercato del generative AI e alla nascita quotidiana di nuove startup, con una continuità ed un flusso di finanziamenti che ricorda quello della nascita delle cosiddette Dot-com. A tale proposito, la società di consulenza Sequoia Capital ha recentemente pubblicato un rapporto dettagliato sull’argomento e ha mappato il panorama delle startup e degli strumenti di intelligenza artificiale generativa.

AI marketing digitale landscape

Fig. 1: il panorama delle applicazioni di AI generativa disponibili sul mercato (fonte: Sequoia)

AI Generativa: ambiti di utilizzo

Il panorama dell’offerta dell’AI generativa riportato in Fig. 1 rappresenta solo un’istantanea di un quadro in continua evoluzione ma ci fornisce un’idea di quanto ampio e variegato sia l’ambito di utilizzo di questa tecnologia per chi si occupa di marketing digitale.

A titolo esemplificativo, riportiamo di seguito alcuni possibili ambiti di utilizzo:

  • Elaborazione e creazione testo con linguaggio naturale (es. ChatGPT)
  • Text Analysis (ad es. analisi grammaticale e correzione di un testo)
  • Text Summarization (ad es. riassunto di un documento o di una email)
  • Text-to-Speech (ad es. la generazione di un voice-over per un video a partire da un testo)
  • Speech-to-Text (es. generazione automatica della trascrizione di meeting a partire dalla registrazione audio)
  • Text Translation
  • Voice generation (clonazione della voce)
  • Voice recognition
  • Sentiment Analysis
  • Text-to-Image (creazione di contenuti visuali utilizzando strumenti come DALL-E, Midjourney, Stable Diffusion)
  • Text-to-Video
  • Image recognition
  • Image animation (ad es. avatar parlanti)
  • Image segmentation
  • Presentazioni (ad es. creazione di una intera presentazione, testo e immagini, a partire dall’inserimento di un argomento e dei principali argomenti)

Le opportunità dell’AI per il marketing digitale

L’AI generativa offre grandi opportunità per i marketer, ma richiederà uno sforzo di comprensione e di aggiornamento continuo per mantenere il passo con la rapidità di cambiamento e di innovazione introdotta da questa tecnologia.

Strumenti come ChatGPT sono destinati a far diventare obsoleti il modo attuale con cui scriviamo testi o facciamo presentazioni, in maniera analoga a come l’introduzione di excel ci ha fatto dimenticare della necessità di utilizzare la calcolatrice per fare calcoli.

Conclusioni

L’AI per i marketer non è solo un’altra tendenza passeggera, ma un’opportunità destinata a durare. L’AI può infatti aiutare i marketer ad automatizzare molti compiti noiosi e ripetitivi, liberando tempo per attività a maggiore valore aggiunto, come l’analisi delle performance e la pianificazione strategica.

Con l’evoluzione dell’AI, diventerà sempre più importante per i marketer comprendere le sue capacità, conoscere i suoi molteplici strumenti e come utilizzarla in modo efficace.

Stiamo vivendo un momento di discontinuità epocale e solo coloro impareranno ad usare l’AI in modo efficace potranno avere avranno un vantaggio significativo nel sempre più competitivo panorama del marketing digitale.

Vuoi rimanere informato su questo argomento? Registrati alla nostra newsletter AI for Marketers News.

Sei modi di utilizzo di ChatGPT per il tuo marketing digitale

chatgpt marketing digitale featured image

ChatGPT sta suscitando grande interesse tra coloro che scrivono e creano contenuti scritti. Si tratta infatti di uno strumento gratuito dotato di intelligenza artificiale in grado di produrre testi di alta qualità e a velocità sorprendente. Grazie alla sua intelligenza artificiale avanzata, ChatGPT può analizzare e comprendere le richieste dei suoi utenti e fornire risposte accurate e pertinenti in modo rapido ed efficiente. La sua popolarità sta crescendo rapidamente e sembra che ChatGPT abbia un grande potenziale per diventare uno strumento fondamentale per la scrittura e la creazione di contenuti scritti.

In questo articolo vogliamo condividere con te sei possibili utilizzi di OpenAI ChatGPT per le tue attività di marketing digitale.

1. Generare uno schema per un blog post

Immagina di essere un produttore di prodotti per la copertura di piscine e di avere bisogno di un articolo che illustri le diverse opzioni disponibili per le coperture di piscine. Per ottenere aiuto puoi accedere all’app ChatGPT e inviare la seguente richiesta : “Ciao, puoi agire come un responsabile marketing e creare uno schema per un articolo che descriva le diverse opzioni per la copertura di piscine?”

In risposta, ChatGPT ti potrebbe fornire un’ utile schema per aiutarti ad organizzare i pensieri e ampliare la prospettiva con una visione diversa. Lo schema potrebbe includere i seguenti punti:

  1. Introduzione: Spiegazione breve sull’importanza della copertura delle piscine e sui vantaggi che offre.
  2. Coperture rigide: Descrizione delle coperture rigide disponibili, come quelle in vetroresina, metallo e plastica.
  3. Coperture morbide: Descrizione delle coperture morbide come teli, teli termici e teli solari.
  4. Coperture automatiche: Descrizione delle coperture automatiche, come quelle a scomparsa o a scorrimento, e dei loro vantaggi.
  5. Coperture semiautomatiche: Descrizione delle coperture semiautomatiche come quelle a tendina o a fisarmonica.
  6. Conclusione: Riassunto delle opzioni presentate e suggerimenti per scegliere la copertura più adatta alle proprie esigenze.

Questo schema potrebbe essere molto utile per organizzare le idee e creare un articolo informativo e ben strutturato sulle diverse opzioni disponibili per le coperture di piscine.

2. Superare il blocco dello scrittore

Se sei come la maggior parte degli umani, potresti trovarti a fissare una pagina bianca (o uno schermo) chiedendoti come scrivere o anche iniziare un articolo di blog. Uno dei possibili utilizzi di ChatGPT è quello di aiutarti a superare il blocco dello scrittore.

Puoi infatti accedere a ChatGPT e chiedere aiuto per scrivere un articolo su un argomento specifico.

Ad esempio, potresti chiedere: “Ciao, puoi aiutarmi a scrivere un articolo su come creare un giardino verticale?”. ChatGPT potrebbe quindi fornire una serie di idee e suggerimenti utili sulla base della sua conoscenza e della sua esperienza nel campo dell’orticultura e del giardinaggio verticale.

Tuttavia, è importante sottolineare che la qualità della scrittura prodotta da ChatGPT può variare a seconda della complessità dell’argomento e delle sue conoscenze. Pertanto, la revisione e la modifica del contenuto prodotto dal bot sono fondamentali per garantire la qualità e l’attrattività del contenuto per i lettori.

Inoltre, è importante notare che ChatGPT può fornire idee e suggerimenti, ma non può sostituire la creatività e l’originalità dell’autore. Si consiglia quindi di utilizzare le idee fornite da ChatGPT come base di partenza, ma di integrarle con le proprie conoscenze e idee personali per creare un articolo unico e interessante.

3. Generare idee per articoli di blog

Prova a digitare “Quali sono le 10 domande più frequenti sull’argomento [inserisci nome_argomento]?” e avrai una lista in pochissimo tempo, come nell’esempio riportato nella figura seguente.

esempio ChatGPT marketing digitale

Questo può aiutare i marketer a trovare idee creative e pertinenti anche senza avere una conoscenza approfondita su un argomento.

4. Scrivere i post sui social media

Molti marketer stanno scoprendo come utilizzare ChatGPT per creare titoli per i loro post sui social media e generare idee innovative per attirare l’attenzione del loro pubblico target. Tuttavia, è fondamentale comprendere che l’obiettivo qui non è quello di copiare e incollare, bensì utilizzare ChatGPT come strumento guida per creare un contenuto originale e coinvolgente che possa catturare l’attenzione dei lettori.

5. Aiuto nelle attività SEO

ChatGPT può aiutarti a raggiungere facilmente i tuoi obiettivi di ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO), aiutandoti nella ricerca di parole chiave, nella loro lista e persino nella loro traduzione, se stai facendo marketing in più lingue. Puoi anche includere dei suggerimenti per creare titoli alternativi e meta-descrizioni per i post.

6. Ricerche di mercato

Una delle ragioni principali per cui molti sono entusiasti di utilizzare ChatGPT è il potenziale risparmio di tempo nelle ricerche di mercato. In particolare, ChatGPT può essere utilizzato per raccogliere informazioni dai siti web e dai profili dei social media dei principali brand del tuo settore. La raccolta di queste informazioni può aiutarti a compilare un foglio di lavoro con gli sforzi di marketing dei tuoi concorrenti e fornirti preziosi insight sui loro seguaci, il tutto senza dover investire un’enorme quantità di tempo ed energie. In questo modo, l’utilizzo di ChatGPT può semplificare il processo di ricerca di mercato e fornirti una panoramica più completa del tuo settore di riferimento.

Conclusioni: ChatGPT per il marketing digitale

ChatGPT è una grande innovazione nel campo del marketing e della scrittura, ma è importante ricordare che il sistema è ancora in fase di sviluppo e che ci sono molte opportunità per migliorarlo. Come marketer e copywriters, è nostro dovere utilizzare questo strumento in modo efficace ed etico per trarne il massimo beneficio. Ricorda che l’intelligenza artificiale è stata sviluppata per aiutarci a svolgere il nostro lavoro in modo più efficiente, non per sostituirci. Utilizziamo queste funzionalità di ChatGPT per migliorare le nostre abilità di marketing e di scrittura. Se sei interessato a discutere del futuro del marketing o di come possiamo aiutare la tua azienda, contattaci per prenotare un appuntamento e discutere ulteriormente.

WORKSHOP L’Intelligenza Artificiale nel Digital Marketing

AI workshop digital marketing

Siete pronti ad affrontare la nuova era del marketing? Il futuro del marketing è l’Intelligenza Artificiale, e in questo workshop scoprirete come utilizzarla al meglio per migliorare le vostre strategie di marketing digitale.

Con il nostro workshop avrete accesso a un’esperienza formativa unica, che vi aiuterà a comprendere come l’Intelligenza Artificiale può essere applicata nel settore del marketing digitale.

Durante il workshop, avrete l’opportunità di approfondire come l’IA possa migliorare la precisione del targeting, l’efficacia delle campagne pubblicitarie, la personalizzazione dei contenuti e molto altro ancora.

Si passeranno in rassegna i concetti fondamentali dell’Intelligenza Artificiale applicata al marketing digitale, fornendovi così una conoscenza pratica che potrete utilizzare per aumentare il successo del vostro business online.

Non perdete l’opportunità di essere tra i primi ad adottare le più innovative tecnologie di marketing disponibili oggi! Iscrivetevi al nostro workshop e lasciate che l’Intelligenza Artificiale vi porti al successo!

Cosa state aspettando? Registratevi ora per partecipare a questo imperdibile workshop sull’Intelligenza Artificiale per il Digital Marketing!

DI COSA PARLEREMO

  • La rivoluzione annunciata: l’intelligenza artificiale per tutti (o quasi)
  • Generative AI
  • OpenAI: il big player del futuro?
  • Come funziona ChatGPT e perchè ha così successo
  • Prompt Engineer: una nuova professione?
  • Siamo tutti artisti con DALL-E
  • Le opportunità offerte dall’accoppiata NO-CODE + IA API
  • I concorrenti di OpenAI non stanno a guardare: Bing, Google, etc
  • L’IA nel digital marketing: copywriting, SEO, video, avatar, sintesi vocale, report, etc
  • Esempi di strumenti AI per il digital marketing

A CHI E’ RIVOLTO IL WORKSHOP L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE NEL DIGITAL MARKETING

  • marketers, imprenditori, content creators, developers e chiunque sia interessato ad aumentare il successo del proprio business online grazie a questa rivoluzionaria tecnologia.

DOVE & QUANDO

31 maggio – Online (via Zoom o tecnologie equivalenti) 9:30-13:00

RELATORE

Roberto Grossi

INVESTIMENTO RICHIESTO

100 € (IVA inclusa) a persona

Cosa è ChatGPT?

cosa è chatGPT

ChatGPT, l’applicazione di cui tutti parlano, non è solo un normale programma informatico di intelligenza artificiale. Infatti va oltre il semplice compito di fornire risposte che sembrano scritte da un essere umano, esplorando mondi affascinanti accessibili solo alla fantasia. La risposta dettagliata che questo sistema di intelligenza artificiale è in grado di fornire è veramente unica, in quanto può aggiungere elementi di narrazione nella sua risposta.

ChatGPT può infatti prendere argomenti complessi come la fisica quantistica e spiegarli in modo accessibile aggiungendo elementi narrativi accattivanti.

cosa è chatGPT screenshot

La sua capacità di presentare i suoi contenuti in modo divertente ma educativo è ciò che rende ChatGPT così incredibile; le sue capacità saranno sicuramente apprezzate da scienziati, insegnanti, studenti e scrittori.

Cosa vuol dire ChatGPT?

ChatGPT, acronimo di Generative Pre-trained Transformer, è un’utility online sviluppata da OpenAI che può comprendere le query basate su testo e rispondere di conseguenza. È stato addestrato su milioni di pagine di scrittura da Internet, fornendo agli utenti abilità di linguaggio naturale simili a quelle di un essere umano. Non solo può comprendere e rispondere a domande in diversi stili, ma può anche generare frasi e partecipare a conversazioni con l’utente. In poche parole, ChatGPT agisce come il proprio robot personale che è in grado di comprendere e rispondere.

Ad esempio, quando viene chiesto di spiegare ChatGPT a un familiare o amico che non ha alcuna conoscenza tecnica sull’intelligenza artificiale (AI), ChatGPT produce istantaneamente una risposta dettagliando ciò che fa in termini semplici: “È come avere il proprio robot personale che può capirti e parlare con te!”

Non ci vuole molto tempo per capire che ChatGPT non solo possiede impressionanti capacità di AI – come la comprensione del linguaggio naturale – ma può farlo senza programmazione complicata o lavoro di codifica tedioso da parte dell’utente.

ChatGPT fornisce un modo sorprendentemente divertente per apprendere nuovi argomenti. Non appena si pone una domanda, ChatGPT genera rapidamente una risposta informativa e altamente coerente che sembra scritta da un essere umano. Il contenuto sembra provenire da una persona con conoscenze specifiche poiché la risposta riflette spesso gli avvenimenti attuali nel mondo della tecnologia, della scienza e di altri argomenti.

ChatGPT è un’applicazione gratuita che chiunque può utilizzare per sperimentare in prima persona le meraviglie dell’intelligenza artificiale. Tutto ciò di cui hai bisogno per ottenere il massimo da questo strumento è creare un account e fargli una domanda.

È progettato per rispondere in pochi secondi, quindi non sarai bloccato ad aspettare ore o addirittura giorni per ottenere una risposta.

Cosa può fare ChatGPT

ChatGPT è stato lanciato solo di recente, il 30 novembre 2022, ma entro cinque giorni dal suo rilascio aveva attratto più di un milione di utenti. Ciò da solo la dice lunga sulle sue potenziali capacità e funzionalità. Attraverso questa app, puoi chiedere a ChatGPT di scrivere qualsiasi cosa, da una poesia usando il nome del tuo bambino, a testi di canzoni sul tuo cane, slogan commerciali e persino codice software. Sicuramente è la maniera perfetta per diventare creativi con l’IA senza bisogno di investire tempo e denaro nella scrittura autonoma di contenuti di quantità.

ChatGPT è un modello avanzato di apprendimento automatico addestrato su un enorme quantitativo di testi aggiornati fino al 2021. Risponde rapidamente e accuratamente a vari tipi di input basati sull’analisi intelligente del linguaggio. Consente una maggiore automazione in diversi settori poiché ha capacità nella generazione di contenuti, chatbot di assistenza clienti, ricerca, documenti legali e altro ancora. Oltre a produrre testo grezzo, ChatGPT è dotato della capacità di pensare, il che può essere vantaggioso per tutto, dai motori di ricerca come Google agli assistenti digitali come Alexa o Siri.

La tecnologia di OpenAI apre la strada a vaste potenzialità che consentirebbero cose come una scrittura di informazioni più veloce mai vista prima e la reinvenzione della nostra vita e della nostra carriera grazie a questo nuovo livello di automazione.

Neil Voss, cofondatore della startup innovativa di realtà aumentata Anima, nel parlare delle potenzialità di ChatGPT afferma che:

“Fornirà un’enorme nuova potenzialità … ad una scala e velocità che non abbiamo mai visto prima, reinventando praticamente tutto ciò che riguarda la nostra vita e la nostra carriera”.

Lui e molti altri prevedono che gli strumenti più recenti di OpenAI diventeranno i più significativi dal lancio degli smartphone, con un potenziale già paragonabile ai primi giorni di internet.

“In breve tempo, l’IA renderà non solo la ricerca di informazioni (molto più facile), ma anche la comprensione di esse – riplasmandole e rendendole utili – molto più veloce”, spiega Voss in un’email.

In una domanda di follow-up su come utilizzeremo ChatGPT e questo tipo di IA di nuova generazione nei prossimi uno o due anni, il programma ha evidenziato diverse applicazioni tra cui la cura della salute, “per cose come diagnosi, scoperta di farmaci e piani di trattamento personalizzati”, e la creazione di contenuti per “testi simili a quelli umani, audio, scrittura creativa, articoli di notizie, script video e altro”.

Possiamo fidarci di ChatGPT?

ChatGPT è un’intelligenza artificiale conversazionale che utilizza un algoritmo di elaborazione del linguaggio naturale per generare risposte in conversazioni. Può ripetere contenuti esistenti e suonare autorevole, tuttavia può essere imprecisa o addirittura completamente sbagliata. Poiché l’AI non è ancora in grado di distinguere i fatti dalla finzione, viene addestrata su dati che in alcuni casi possono essere vecchi di due anni. Ciò può portare a informazioni errate quando vengono fatte domande su sviluppi recenti o tecnologie come il modello di iPhone più recente che ChatGPT potrebbe dire essere la tredicesima generazione.

L’IA è stata tradizionalmente utilizzata per previsioni e categorizzazioni come il riconoscimento facciale o l’analisi del testo, ma con ChatGPT è in grado di creare articoli, notizie, post di blog e persino saggi scolastici, rendendo difficile distinguere tra questa scrittura e quelle create da esseri umani.

La Reboot Foundation sostiene la necessità di un pensiero critico nel contrastare la diffusione di disinformazione generata da tecnologie guidate dall’IA come ChatGPT, aumentando così la consapevolezza delle implicazioni dannose di credere alle fonti di informazioni apparentemente accurate generate dall’IA.

Recentemente, OpenAI ha lavorato su uno strumento per aiutare a determinare se un articolo o un saggio sia stato scritto da un’IA. Il watermark algoritmico sarebbe un “flag” invisibile incorporato nello scritto e che potrebbe identificarne la fonte come IA. Questo fa parte della loro politica che richiede ai loro utenti di rivelare esplicitamente alla loro audience quando utilizzano il loro API e strumenti creativi come DALL-E e GPT-3.

Tuttavia, c’è un altro metodo che potrebbe essere più accessibile a noi in un futuro prossimo. Un ricercatore della Princeton sta attualmente creando un’app chiamata GPTZero che può identificare se un saggio sia stato scritto da un’IA o meno. Sebbene sia ancora in fase di sviluppo e non ancora pronto per il consumo di massa, è probabile che questo strumento diventi prima o poi disponibile. Ciò fornirà un modo conveniente alle persone per tenere traccia di ciò che è stato originariamente creato dagli algoritmi insieme a quanto effettivamente scritto da esseri umani.

In sintesi, ChatGPT è un’innovativa tecnologia di intelligenza artificiale che può comprendere e generare testo in modo simile a un essere umano. Grazie alla sua capacità di raccontare storie, ChatGPT rende l’apprendimento e l’interazione con il computer più coinvolgente e interessante e apre infinite possibilità di utilizzo.