social media trends 2022 featured image

Quali saranno i social media trends del 2022? Come già fatto negli anni precedenti cercheremo di rispondere a questa domanda e riportare alcune considerazioni su quello che possiamo aspettarci nel nuovo anno nel mondo del marketing digitale, a partire dalle opinioni e gli articoli che sono stati condivisi online dai principali esperti ed operatori del settore

Ecco quindi alcuni dei trend principali che dovremo prendere in considerazione per elaborare le nostre strategie marketing nel nuovo anno.

1 – Social Commerce: l’e-commerce sarà sempre più social

Prima della pandemia, i profili social e le iniziative di marketing dirette ai consumatori erano una promettente opportunità per tutte le aziende innovative alla ricerca di un vantaggio competitivo.

Tutto è invece cambiato in un attimo quando le persone sono dovute entrate in isolamento e per molti l’unica scelta possibile per soddisfare i propri bisogni è stato l’acquisto online.

Secondo il rapporto Digital 2021 di Hootsuite e We Are Social, l’industria globale del social commerce vale più di mezzo trilione di dollari USA. Numeri ancora più ambiziosi sono confermati da un’indagine di Accenture che prevede 1.1 trilioni di dollari entro il 2025 (v. Fig.1).

Social Media Trends 2022 - social commerce forecast

Fig. 1: Social Commerce forecast 2021 -2025 (Accenture)

Il consumatore di oggi non si limita ad usare i social media per scorrere il proprio feed ed eventualmente cliccare sugli annunci sponsorizzati ma utilizza costantemente i canali digitali in ogni fase del percorso di acquisto.

Ne sono consapevoli i principali attori dello scenario social, come TikTok, Instagram, Facebook che già da tempo hanno reso disponibili funzionalità specifiche di social commerce all’interno delle loro piattaforme. Questa tendenza è destinata a confermarsi anche nel 2022 e rappresenta una reale opportunità anche per le PMI che potranno cogliere ed estendere le opportunità offerte dalle vetrine virtuali del mondo online.

2 – Sui social media si affermerà il paradigma del “Pay to Play”

La pubblicità a pagamento sui social ha ormai un ruolo fondamentale nelle strategie di marketing digitale. Tutti i principali social media hanno infatti gradualmente ridotto in maniera significativa la loro reach organica. Questo vuol dire che avere una presenza sui canali social, siano essi una pagina Facebook, un profilo su Instagram o TikTok), non garantisce alle aziende che il proprio messaggio venga effettivamente visto dalla propria audience, così faticosamente costruita nel tempo con la creazione di contenuti di qualità.

In un recente studio sui marketer di Hootsuite, il 44% degli intervistati ha affermato che il declino della copertura organica è stato il loro principale problema sui social media (v. Fig. 2).

In questo scenario è prevedibile che il 2022 continui a vedere, anche complice il fermento sulla limitazione dei cookies di Terze Parti, una crescita degli investimenti da parte degli inserzionisti sui social ads.

Social media trends 2022 - challenges

Fig. 2: le principali sfide sui social media (Fonte: indagine Hootsuite)

3 – Il ruolo dei Creators diventerà sempre più importante

L’anno che è appena trascorso ha visto l’affermazione di un nuovo tipo di influencer, il creator, e di un nuovo modello economico basato sul web, la cosiddetta “creator economy” o “passion economy”. Come ormai è noto, con questo termine si identifica un settore di business incentrato su creatori di contenuti e sui prodotti software e servizi concepiti per supportarli nella realizzazione delle loro passioni.

Tutti i principali social networks hanno compreso l’importanza del ruolo dei creator per la produzione di contenuti originali che vadano ad arricchire l’offerta delle proprie piattaforme e a catturare l’attenzione del pubblico online. Iniziative come il TikTok Creator Fund, Facebook for Creators, Twitter Super Follow, dimostrano che i big player sono ormai consapevoli che, senza il contenuto creato dagli utenti (ed un adeguato incentivo economico per i creators), le piattaforme online rischiano di diventare una scatola vuota e quindi poco appetibile per gli inserzionisti pubblicitari. In quest’ottica si prevede che anche nel 2022 continueremo a vedere un susseguirsi di annunci di programmi che vadano ad incentivare le attività sui creators sui canali online.

In fin dei conti, il concetto di contenuti creati dagli utenti delle piattaforme digitali non è un concetto nuovo perchè nato molti anni fa con la comparsa sulla rete Internet dei primi User Generated Content (termine spesso abbreviato con l’acronimo UGC). Quello che è cambiato, e che continuerà a crescere nel 2022, è il tasso di adozione da parte di aziende e di marketer.

4 – I social di nicchia continueranno a guadagnare spazio

Una nuova tendenza che abbiamo visto emergere nel 2021 e che dovrebbe confermarsi anche nel 2022 è quella relativa al successo delle piattaforme di nicchia. Sotto questo nome possiamo raggruppare i servizi online che consentono la socializzazione delle persone all’interno di specifiche comunità, come Spotify per il podcast, Clubhouse e Twitter Spaces per il social audio e Substack per le newsletter. In tutti i casi si tratta di piattaforme che vogliono consentire alle persone di creare relazioni significative con i loro creators preferiti o con la propria comunità di riferimento, piuttosto che basarsi su algoritmi proprietari per facilitare il coinvolgimento degli utenti.

5 – Crescerà l’interesse per la Realtà Aumentata e il Metaverso

L’attenzione per la Realtà Aumentata (RA) sta crescendo insieme a quella per il Metaverso. In questo senso dobbiamo interpretare i recenti annunci, come quello di Facebook che ha deciso di cambiare il proprio nome in Meta per sfruttare meglio il suo investimento nella Realtà Aumentata. Anche Microsoft sta seguendo questa strada e nel 2021 ha annunciato Mesh, un metaverso per la sua piattaforma Teams. Questo interesse per il metaverso è giustificato dalle sue potenzialità e dalla capacità di attirare sviluppatori e fornitori di tecnologie di Realtà Aumentata, come si è visto durante il CES 2022. Durante il Consumer Electronic Show che si è svolto a Las Vegas nei primi giorni dell’anno, metaverso e sistemi di Realtà Virtuale sono stati al centro dell’attenzione: dall’integrazione di un’azienda reale e dei suoi dipendenti in una città virtuale al suono realistico di uno sparo in un videogioco, dalla telemedicina alla formazione, sono stati numerosi gli esempi di come la tecnologia mira a ricavarsi uno spazio ancora più importante nelle nostre vite.

Questi che abbiamo elencato sono solo alcuni dei principali trend che potranno caratterizzare il 2022. Ce ne sono sicuramente altri, come il ruolo degli algoritmi nei social media, la preoccupazione per la salute mentale degli adolescenti che utilizzano web e app, la crescente importanza del servizio clienti sui social media, la spinta verso social network decentralizzati.

C’è qualche particolare tendenza che secondo voi andrebbe tenuta in maggiore considerazione?

Condividete la vostra opinione nei commenti.

Recommended Posts

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.